La riforma del catasto: quanto ci costerà e cosa cambierà?


L’imminente DEF 2017 (Documento di Economia e Finanza) entro il quale rientra anche il Piano Nazionale di Riforma, continuerà ad avere come priorità la riforma del catasto.

Il Governo ancora si propone di attuarne i contenuti entro il 2018 e alcune novità arriveranno presto a cambiarci la vita. In particolare verrà rivoluzionato il calcolo degli estimi catastali: pagherà di più chi ha case di pregio in centro.


La Riforma del Catasto si prefigge di aggiornare le rendite catastali degli immobili, facendole dipendere non più dal numero dei vani, ma dei metri quadri. Questo criterio risulta infatti più adatto a rendere le reali dimensioni e l’effettivo valore di mercato dell’immobile.

Gli altri criteri di valutazione: stato di conservazione, infrastrutture vicine, quartiere oltre che di tutte le altre caratteristiche rilevanti quali il piano, la presenza di uno o più balconi e dell’ascensore... D’altro canto l’Europa chiede da anni questa riforma per dare una svecchiata a valori catastali ancora fermi a quarant’anni fa.

È una riforma che scontenterà i proprietari delle case di lusso, ma che farà la gioia di altre categorie di proprietari.

Molti staranno già correndo ai ripari per sborsare di meno; come Associazione Consumatori Avvocati al Tuo Fianco vi suggerisce in ogni caso di non fare le cose avventatamente e valutare bene le conseguenze di sotterfugi, mentre vi consiglia il sostegno di un professionista onde effettuare una corretta valutazione catastale del vostro immobile anche e soprattutto a seguito della riforma.


Le abitazioni rientreranno sotto un’unica lettera, la «O», come Ordinarie e bisognerà dire addio, quindi, alle A1, A2 e A3, categorie che nei rogiti vengono ancora classificate come «signorili», «civili» o «economiche».

Quindi i possessori di abitazioni site in periferia o di nuova costruzione – classificate oggi come A2 o A3 – pagheranno di meno, mentre si prevedono maggiori esborsi per i proprietari di seconde case situate nei pregiati centri storici classificate come popolari o ultrapopolari e i proprietari dei rustici trasformati in ville.


Per quanto il nuovo calcolo della rendita catastale e di classificazione delle case potrebbe comportare rincari IMU e penalizzazioni ISEE fino a 4 volte i valori attuali, l’obiettivo sarebbe quello di garantire l’invarianza del gettito a fronte di una redistribuzione dei costi tra i contribuenti. In sostanza, l’aggiornamento delle rendite catastali punta ad una maggiore equità e ad un riequilibrio del prelievo allineando i valori catastali a quelli di mercato.

Infatti con i nuovi metodi di calcolo le rendite catastali raddoppieranno, ma - allo stesso tempo – le aliquote Imu, Iva e Irpef verranno ridimensionate.


Le grandi città come Roma, Milano, Napoli saranno quelle che vedranno i maggiori aumenti per le abitazioni di tipo civile con aumenti anche del 200% e il 300% . Mentre le cose miglioreranno per i proprietari di immobili situati in provincia, in periferia o lontani dalle città..


Tuttavia è inevitabile che l’aumento della rendita catastale vedrà aumentare il reddito generale del nucleo famigliare con il conseguente accrescimento dei livelli di reddito attestati dalla dichiarazione Isee e una stretta alle agevolazioni e agli sconti che vengono concessi ove il valore certificato tramite la DSU sia inferiore ad una certa soglia.

Anche ai fini di una Isee veritiera e che non comporti più danni che vantaggi, Avvocati al Tuo Fianco suggerisce una compilazione fatta seguendo i criteri di legge e magari con il supporto di un patronato o di una associazione che come la nostra sia abilitata a svolgerne le funzioni.


Quindi esiste un modo per contenere l’esborso fiscale? Prima di tutto se siete interessati all’acquisto di una casa e in questo periodo state contrattando per portare a termine una compravendita prestate particolare attenzione ai metri quadri e alle caratteristiche dell’immobile piuttosto che al numero dei vani.


Per dubbi o consigli non esitate a contattarci; Avvocati al Tuo Fianco dispone anche di geometri e tecnici in grado di guidarvi in materia di catasto, valore catastale e visure. Contattateci ai numeri 0332 15 63 491 e al num. verde 800 91 31 81.


Chi siamo

Siamo una squadra di avvocati e professionisti a disposizione degli associati per un consiglio, una consulenza, un suggerimento legale in ogni momento o caso della vita.  UN AVVOCATO AL TUO FIANCO PUO' SEMPLIFICARTI LA VITA.

Contattaci
Cerca un contenuto nel sito
Ricerca per tags

© 2023 by Biz Trends. Proudly created with Wix.com