ISEE: quali documenti è necessario procurare?


Ricordiamo che l’ISEE è l’indicatore della situazione economica equivalente


Il calcolo dell’ISEE e il relativo modello compilato è essenziale per poter godere di una serie di agevolazioni in campo fiscale e previdenziale.

L’ISEE permette agli organismi erogatori di tali benefici di fare un calcolo corretto del patrimoni su cui la famiglia conta e può contare e dunque del suo stato economico.

In questo calcolo rientrano tutte le tipologie di reddito, dagli stipendi alle retribuzioni, dagli investimenti agli immobili etc., ecco perchè è lunga la lista dei documenti da produrre per consentire ai CAF e alle Associazioni consumatori come Avvocati al Tuo fianco di elaborare correttamente il documento.


Il modello ISEE 2017 ed il reddito derivante, pertanto, servono a calcolare la fascia di reddito della famiglia e ad attribuire la giusta categoria di reddito cui essa appartiene.

In base alla fascia di reddito è infatti possibile accedere a determinate facilitazioni previste dalla legge.

Tra le prestazioni sociali con obbligo Isee, ci sono ad esempio gli asili nido, le tasse universitarie, servizi socio-sanitari presso l’abitazione o residenziali, contributi a sostegno del pagamento canone di affitto, bonus bebè, carta SIA, carta acquisti, ecc.. Tra i servizi di pubblica utilità per cui l’ISEE è obbligatorio per richiedere i benefici erogati dal Comune, Provincia o Regione, ci sono ad esempio le riduzioni sulle tariffe per il trasporto pubblico, tassa rifiuti, ticket sanitari, bonus libri, etc.

Per accedere alle agevolazioni famiglie basso reddito, ai benefici, alle prestazioni e agli aiuti Inps alle famiglie, dunque, il richiedente deve rivolgersi al CAF o ad associazioni abilitate ad operare come CAF come Avvocati al Tuo Fianco, portando con sé, tutta la documentazione necessaria per l’elaborazione del calcolo ISEE 2017. Per aiutarvi nel prendere l’iniziativa e venire da noi per una corretta formulazione del calcolo ISEE vi proponiamo un elenco dei documenti occorre produrre; è un elenco semplificato che tutti possono utilizzare per cominciare. Per ogni dubbio o domanda vi invitiamo a contattarci al numero 0332 15 63 491 o al n. verde 800 91 31 81.


Ricordiamo innanzitutto che per il calcolo vengono presi in esame: I redditi dei 2 anni precedenti quello della dichiarazione, per cui se si richiede il nuovo modello Isee 2017, i redditi si riferiscono a quelli del 2014; I beni mobiliari e immobiliari detenuti al 31 dicembre precedente la dichiarazione, per cui per l’isee 2017, quelli relativi al 31 dicembre 2015; I veicoli, di cui auto, moto, barche, etc, sono quelli posseduti alla data della dichiarazione. Ed ora ecco l’elenco che Avvocati al Tuo Fianco vi suggerisce. Per il nucleo famigliare: Contratto d’affitto o locazione e copia dell’ultimo canone pagato; Stato di Famiglia.


Per ogni componente del nucleo familiare: Documento d’Identità in corso di validità e codice fiscale; Ultimo MODELLO 730 o MODELLO UNICO, qualora esenti dall’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi, portare l’ultima certificazione unica, modello CU, rilasciato dall’ente pensionistico o dal datore di lavoro. Nello specifico, per la richiesta dell’ISEE 2017, vengono presi in considerazione il Modello 730 2016 o il modello Unico 2016 o il Cu 2016.


Certificati di invalidità; Qualsiasi certificazione e/o altro documento attestante compensi, indennità, trattamenti previdenziali e assistenziali, redditi esenti ai fini Irpef, redditi prodotti all’estero, borse e/o assegni di studio, assegni di mantenimento per coniuge e figli, compensi erogati per prestazioni sportive dilettantistiche. Altri documenti da portare al CAF o al commercialista Gli altri documenti per modello Isee 2017, da portare al caf di Avvocati al Tuo Fianco o al commercialista, o altro intermediario abilitato, sono: Titoli di stato, buoni postali, partecipazioni azionarie, obbligazioni, BOT, CCT, buoni fruttiferi, fondi d’investimento, forme assicurative di risparmio ecc detenuti fino al 31 dicembre dell’anno precedente la dichiarazione, per cui per l’ISEE 2017, quelli relativi al 31 dicembre 2016. Saldo e giacenza media conto corrente al 31 dicembre dell’anno precedente la presentazione dell’ISEE; qualora tali informazioni, non siano desumibili dal proprio estratto conto di fine anno, l’interessato, deve rivolgersi alla propria banca o posta, e richiedere il valore della giacenza media o calcolarla secondo le seguenti istruzioni calcolo giacenza media Isee 2017. Per il modello ISEE 2017, il saldo è riferito alla data del 31 dicembre 2016 e la giacenza media annua 2016.

Chi siamo

Siamo una squadra di avvocati e professionisti a disposizione degli associati per un consiglio, una consulenza, un suggerimento legale in ogni momento o caso della vita.  UN AVVOCATO AL TUO FIANCO PUO' SEMPLIFICARTI LA VITA.

Contattaci
Cerca un contenuto nel sito
Ricerca per tags

© 2023 by Biz Trends. Proudly created with Wix.com