Contenzioso bancario e conti corrente affidati: la domanda di ripetizione dell’indebito (Parte terza)

Wednesday, March 8, 2017

 

Se la domanda di accertamento di nullità è imprescrittibile ovvero non cade mai in prescrizione e può essere posta sempre e comunque dal correntista, altra sorte spetta alla domanda di ripetizione dell’indebito che se fatta fuori tempo può comportare l’inammissibilità della domanda stessa o la prescrizione del diritto a farla.

 

La domanda di ripetizione dell’indebito: va fatta al momento giusto
La domanda di ripetizione dell’indebito pagamento può porsi solo dopo che il correntista abbia effettivamente pagato alla banca quanto indebitamente richiesto e dunque solo a chiusura del conto e solo dopo che la banca abbia “esatto” quanto preteso dal correntista laddove questo saldo contenga interessi pagati in eccesso.

 

Perciò se la domanda di ripetizione viene presentata in vigenza del conto corrente, essa risulterà inammissibile in quanto nessun pagamento è stato ancora effettuato nella pratica.

 

La condanna alla restituzione
Se la domanda di ripetizione viene presentata alla scadenza richiesta essa può essere seguita dalla condanna della banca alla restituzione.

 

L’annotazione in conto corrente
L’annotazione in conto corrente, sia essa a debito o a credito, in nessun caso identifica un pagamento in quanto non corrisponde ad un’azione risolutoria di pagamento del correntista a favore della banca, ma solo ad un incremento del suo debito o del suo credito credito rispetto alla somma messagli a disposizione.

 

Prescrizione del diritto a presentare la domanda di ripetizione dell’indebito
Premesso che la prescrizione applicabile è quella decennale ordinaria, precisiamo che in materia di prescrittibilità della domanda di ripetizione esistono posizioni contrastanti che si possono riassumere in due principali orientamenti:
 - la prescrizione decorre dalla data di chiusura del conto corrente con pagamento successivo del saldo;
- la prescrizione decorre dalla data in cui la banca fa il primo addebito sul conto affidato, dunque anche in vigenza di conto ancora aperto.

La prima definizione riflette la tendenza della maggioranza e della giurisprudenza dominante.
Infatti mentre la chiusura del conto con pagamento del saldo identifica inequivocabilmente un pagamento; gli addebiti rappresentano lo spostamento di titoli.

 

E se il conto è chiuso?  Che tipo di domanda posso fare per aprire un contenzioso?  Posso aprire un contenzioso?  Per avere una risposta a queste domande non mancate di leggere la quarta ed ultima parte del nostro articolo su contenzioso bancario e i conti correnti affidati. (segue ) (precedente)
 

Please reload

Chi siamo

Siamo una squadra di avvocati e professionisti a disposizione degli associati per un consiglio, una consulenza, un suggerimento legale in ogni momento o caso della vita.  UN AVVOCATO AL TUO FIANCO PUO' SEMPLIFICARTI LA VITA.

Contattaci
Cerca un contenuto nel sito
Ricerca per tags
Please reload

© 2023 by Biz Trends. Proudly created with Wix.com