Segnalazioni in banche dati.

Tramite l’accesso alle principali banche dati di informazioni creditizie associazione consumatori Avvocati al Tuo Fianco riesce ad ottenere un quadro chiaro della tua posizione debitoria nei confronti di banche e società finanziarie con la relativa descrizione dell’andamento dei pagamenti e l’esistenza di eventuali trascrizioni pregiudizievoli a tuo carico (es. segnalazione centrale rischi).

In questo modo riusciamo ad accertarci se il tuo nominativo è stato segnalato o meno come cattivo pagatore e se risultano ipoteche, pignoramenti o quant’altro a carico dei tuoi immobili.

Come interveniamo
Associazione consumatori Avvocati al Tuo Fianco fornisce i seguenti servizi:

Verifica e controllo,

Contestazione, aggiornamento o rettifica dei dati

Cancellazione e/o riabilitazione di conseguenze pregiudizievoli come ipoteche SERIT e/o ipoteche legali o giudiziali; ipoteche pagate ma non cancellate, ipoteche illegittime ecc

Verifica di eventuali segnalazioni illegittime per ritardo nei pagamenti

Cancellazione di cattivo pagatore.

Il protesto è un atto pubblico con il quale viene accertato in modo formale da parte di un Notaio o altro Ufficiale giudiziario il mancato pagamento di un assegno o di una cambiale per mancanza di fondi.

Gli effetti del protesto prevedono la pubblicazione del nominativo nel Registro Informatico dei Protesti tenuto presso la competente Camera di Commercio, e comporta l’irrogazione di sanzioni da parte della competente Prefettura. L’essere protestati genera non pochi disagi, dal mancato accesso al credito all’impossibilità di apertura di un semplice conto corrente.

Tuttavia gli effetti del protesto non sono irreversibili: associazione consumatori Avvocati al Tuo Fianco si occupa di inoltrare per tuo conto le relative istanze di cancellazione e di riabilitare il tuo nominativo dall’elenco dei protestati.

La tua segnalazione potrebbe però  essere illegittima: è possibile verificare se esistono i presupposti per richiedere una eventuale cancellazione.

Nel pieno rispetto di quanto previsto dall’art. 4, comma 7 del codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi di informazioni creditizie, pubblicato sulla G.U. del 23.12.2004 n. 300 ed entrato in vigore il 1° Gennaio 2005, è previsto che in caso di di ritardi nei pagamenti, l’istituto di credito sia obbligato a comunicare al cliente l’imminente registrazione dei suioi dati personali in uno o più sistemi di informazioni creditizie. In assenza di tale comunicazione, tali segnalazioni sono da ritenersi ILLEGITTIME.


 

Contattaci
Cerca un contenuto nel sito
Gli ultimi articoli
Please reload

Seguici sui social
  • Facebook - Black Circle
  • Google+ - Black Circle
  • LinkedIn - Black Circle
  • Black Twitter Icon
  • Instagram - Black Circle
Ricerca per tags
Please reload

© 2023 by Biz Trends. Proudly created with Wix.com